L’importanza di avere una pagina aziendale su Facebook

Il corretto strumento per essere presenti sul social di Zuckerberg. Perchè su Facebook, vuoi o non vuoi, ci sei. Sta a te scegliere come.

0
Facebook

Tutti sui social. Sempre e ovunque. Tutti a commentare, condividere, selfare, guardare video e immagini.  E se è vero che il food è oggi uno degli argomenti in assoluto più trattati su web e social, lo è anche il fatto che se hai un’attività ristorativa su quei social tu ci sei, che tu l’abbia deciso o meno.

Come? Partiamo da due assunzioni. La prima: le persone, quando vanno in  qualche ristorante o locale – ma il discorso vale anche per tanti altri tipi di attività e situazioni – sentono il bisogno di farlo sapere alla loro rete sociale. Si “registrano” con applicazioni diverse. Tra le app più usate in tal senso penso ad esempio a Foursquare anche se, sicuramente, quella più comune attualmente è proprio Facebook.

Grazie al GPS degli smartphone, Facebook sa sempre dove si trovano i suoi utenti e, tramite il pulsante Check in, ognuno può condividere in qualsiasi momento la propria posizione con la sua rete di amici. E tra le situazioni in cui si effettua il Check in, la più frequente è probabilmente proprio quella in cui ci si reca in un luogo per mangiare o bere.

La conseguenze sono due:

  1. se sei presente su Facebook potrai venirne a conoscenza, potendo infatti scegliere di ricevere una notifica sulla tua pagina aziendale quando qualcuno taggherà la tua attività.
  2. se non sei presente su questa piattaforma, gli utenti potranno comunque segnalare la loro presenza presso la tua attività.

Il secondo caso si realizza per mezzo di una funzione di Facebook che permette alle persone di creare una pagina aziendale sprovvista di amministratori, e quindi in piena balia degli utenti. Questi ultimi potranno, oltre a registrarsi, commentare e scrivere recensioni, oppure pubblicare contenuti multimediali (per lo più fotografie) realizzati nei tuoi locali.

Questo ne è un esempio reale:

Pagina non ufficiale Facebook

Ho usato questa immagine proprio per collegarmi alla seconda assunzione: alle  persone piace “dire la propria” e dare giudizi su ciò che hanno sperimentato. Ovviamente, nel discorso, rientra anche l’ambito culinario (Tripadvisor insegna). Ricapitolando: alle persone piace far sapere agli altri ciò che stanno facendo. Se si tratta di un’esperienza di ristorazione, probabilmente vorranno recensirla.

Perché aprire una pagina aziendale di proprietà

Come hai visto nell’immagine della pagina aziendale non amministrata, in rilievo ci sono proprio le recensioni. Che siano positive, oppure negative! La mia domanda è: non ritieni a questo punto sia meglio cercare di prendere il controllo di quello che succede in rete e che ti riguarda? Non vorresti capire quello che fai bene e ciò che dovresti migliorare per diventare un ristoratore di successo?

A meno che tu non abbia già un grande giro di affari, potrai probabilmente gestire in autonomia – magari dopo un po’ di studio – la pagina dell’attività. Questo perché le persone che la menzioneranno su Facebook saranno un numero accettabile, e potrai risparmiare i soldi di un social media manager, sfruttando al contempo le possibilità date dall’interazione diretta con i tuoi clienti.

L’interazione è fondamentale (di questo argomento, e di quanto sia importante per chi lavora nel settore avere buone doti comunicative, ne ho parlato in un altro articolo). Il cliente apprezza le attenzioni: ringraziarlo per la visita e per averne eventualmente espresso un giudizio favorevole, saranno gesti che imprimeranno nella sua mente un ricordo positivo della tua attività.

Ma ad essere apprezzato è anche il ristoratore che “ci mette la faccia”.  Accettare le critiche costruttive, rispondere ai giudizi e attivarsi – se ancora possibile – per ricucire i rapporti dopo un’esperienza negativa di qualche cliente,  spesso consente di recuperare un po’ di credibilità e magari ti permetterà di avere una seconda chance per dimostrare a tutti che si è trattato solo di un episodio isolato. In caso contrario, oltre al danno, ci sarà la beffa del passaparola negativo che ne deriverà.

Dunque, se non hai la tua pagina, o ce l’hai ma hai notato che ne esiste una non ufficiale, leggi le istruzioni di Facebook su come rivendicarla o unire le due pagine.

La pagina aziendale: i vantaggi sono davvero molti

Ma i vantaggi per chi ha una pagina aziendale non riguardano soltanto la possibilità di interagire con gli utenti in merito alla loro esperienza ristorativa. Facebook ti dà la possibilità di:

  • comunicare con i tuoi clienti/fan quotidianamente
  • farti conoscere da altri potenziali clienti
  • comunicare i valori del tuo brand e spiegare cosa lo rende unico rispetto agli altri
  • creare una lista di contatti ai quali mandare messaggi e offerte personalizzate
  • condividere foto, video ed eventi che riguardano l’attività

La comunicazione giornaliera ti aiuterà ad essere più presente nella mente dei tuoi fan, e aumenteranno di conseguenza le possibilità che loro pensino a te quando dovranno decidere dove andare per una cena, un cocktail o a bere un tè. Facebook può essere un grande strumento per ottenere maggiore visibilità e fare aumentare le tue prenotazioni.

Facebook ti darà l’opportunità di creare un’identità forte per la tua attività, aiutando i clienti a capire cosa aspettarsi se decideranno di venire a provare le tue specialità. Potrai inoltre creare un elenco di contatti a cui inviare la lista delle novità del tuo menù o dei coupon con offerte a loro riservate.

Questo non è tutto. Grazie al social più famoso al mondo potrai condividere le foto dei tuoi piatti, video, e addirittura  realizzare “video in diretta” (cosiddetti Facebook Live) per mostrare ad esempio un evento in corso nel tuo locale. Potrai inoltre promuovere eventi che stai organizzando o che possono essere di interesse per i tuoi fan.

Ovviamente, le potenzialità di una pagina aziendale potranno essere colte soltanto con una strategia digitale solida e coerente nel tempo. Potrebbe rendersi necessario investire qualche soldo: Facebook ha infatti creato Facebook Ads, che ti permetterà di aumentare concretamente la visibilità della tua attività e promuovere il tuo brand, oltre a piatti  ed eventi.

Tranquillo, se sarai stato bravo/a in fase di programmazione strategica quei soldi non solo ti torneranno indietro, ma si moltiplicheranno, con la lieta conseguenza di avere non solo più clienti, ma clienti fedeli. Non è questo quello che desideri?

Pagina Facebook si, Pagina personale no!

Siamo giunti quasi alla fine. E si rende doverosa una precisazione. In passato, molte realtà aziendali – soprattutto piccole – utilizzavano il profilo personale al posto della pagina aziendale per collegarsi con clienti esistenti e potenziali. Oggi, seppur tale pratica sia molto meno comune, c’è ancora qualcuno predilige questa soluzione.

La maggiore visibilità del profilo personale e la possibilità di contattare direttamente gli utenti per le varie finalità aziendali  sono i motivi principali per preferire il profilo. Tuttavia, tale scelta conduce a risultati assolutamente controproducenti nel medio periodo.

Innanzitutto le persone non sono su Facebook per ricevere proposte commerciali. Ricevere messaggi da parte di attività a cui è stata concessa l’amicizia è una cosa molto sgradevole  e che produrrà l’effetto opposto di allontanare l’utente. Inoltre Facebook vieta alle attività commerciali di creare profili personali, con il risultato che prima o poi si verrà bannati dal social (ovvero il profilo verrà eliminato da Facebook).

In fin dei conti con la pagina aziendale è anche possibile elaborare le statistiche di visita degli utenti e creare una fan base (ossia una pagina con un numero di fan) superiore ai 5.000 contatti previsti per i profili personali.

Ancora dubbi sulla necessità di avere una pagina aziendale per la tua attività?

E tu? Ne hai una? Se si, quali sono i vantaggi e le criticità che riscontri nel gestirla? Fammi sapere cosa ne pensi nei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here