Cura e manutenzione della pagina Facebook aziendale

Alcuni consigli per prendersi cura della pagina Facebook della tua attività food. In questo articolo elencherò una serie di accortezze per aumentare la credibilità e migliorare l’immagine di un brand ristorativo.

0
Cura pagina Facebook

Lo slogan di Cibarsidimarketing è “La ristorazione non è uno scherzo. Cura anche i dettagli”. Penso che questo sia un concetto essenziale se l’obiettivo è la costruzione di una marca (altro modo di definire la parola brand) che possa avere successo ed essere allo stesso tempo accattivante e coinvolgente.

La pagina Facebook per un ristoratore è, molto probabilmente, addirittura più importante del sito web aziendale. Ecco dunque perché diventa fondamentale curarla (e manutenerla) nel modo migliore possibile. Ho deciso allora di creare questo articolo, da aggiornare periodicamente così da poterti offrire degli input per realizzare una pagina Facebook il più possibile completa e performante. Iniziamo.

Compila tutte le sezioni della pagina Facebook. Parti dalle informazioni (di contatto, maps, menù dell’attività). Questi dati saranno utili per gli utenti, in quanto gli permetteranno di:

  • entrare in contatto con l’attività, ad esempio chiamando per chiarimenti o prenotazioni.
  • approfondire la conoscenza del ristorante tramite il suo sito internet
  • raggiungere il locale, cliccando sulla mappa per avviare la navigazione (se si sta interagendo con la pagina da mobile)
  • scoprire il menù in anteprima (opzione essenziale sopratutto per i nuovi fan).

Occhio ad informare i clienti anche per quanto riguarda le variazioni degli orari di apertura in determinati periodi (aperture e chiusure straordinarie compresi). A tal proposito, sarebbe cosa buona e giusta creare un post ad hoc, meglio se sponsorizzato, per avvisare tutti i clienti. Per questo tipo di notizia mettere il post “in cima” alla pagina (post fissato in alto) è sicuramente una buona prassi.

Inserisci una fascia di prezzo indicativa. Il cliente ha il diritto di sapere quanto probabilmente spenderà mediamente per una cena o un cocktail. Quali sono i servizi offerti? Servizio di catering, consegna a domicilio, locale adatto per gruppi, bambini, ecc., si accettano prenotazioni, la prenotazione non è obbligatoria, presente il servizio ai tavoli. Mezzi di trasporto e parcheggio: come arrivare al locale? E’ possibile raggiungerlo con i mezzi pubblici? C’è un parcheggio riservato?

Se ci pensi queste sono le stesse informazioni che storicamente hanno caratterizzato la sezione informazioni delle schede attività delle attività food su Tripadvisor. Di fatto, nel tempo Facebook ha preso spunto da tale sito di reviews per migliorare la vetrina delle proprie pagine, rendendo un servizio a ristoratori e loro clienti.

Racconta la storia del locale, come si farebbe per una sezione chi siamo/storia di un sito web. Anche questa è una voce della sezione informazioni. Bastano poche righe per introdursi al proprio pubblico, semplici ma ad effetto, cogliendo i momenti più importanti vissuti fino a quel momento. Puoi integrare la storia con alcune immagini: com’era un tempo il locale… e com’è oggi?

In effetti Facebook lascia la possibilità di scrivere testi molti lunghi, tuttavia meglio un breve racconto, in quanto l’attenzione dei lettori cala velocemente. Se vuoi scrivere di più ok, ma alterna immagini e testi, rendendone più scorrevole e interessante la lettura. Eccone un esempio.

Slow sud StoriaE per oggi questo è tutto. Segui Cibarsidimarketing per altri consigli su come tenere in ordine e migliorare sempre più l’efficacia della pagina Facebook del tuo ristorante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here